Novità introdotte nei Servizi Comunali

pubblicato da Amministratore in data 03 agosto 2010.

Comune di Marciano della Chiana. Comunicato “Intervista al Sindaco sulle novità introdotte nei Servizi comunali”

 

Il Consiglio comunale che si è tenuto lo scorso 19 luglio è stato molto importante per il Comune di Marciano della Chiana, Sindaco Barbagli può dirci perché?

Sì, sono stati approvati dei nuovi regolamenti riguardanti i Servizi comunali e sono state apportate prime importanti modifiche a quelli vigenti. È stato un lavoro congiunto, che, tengo a sottolineare, si è reso possibile grazie all’unità e alla coesione di questa maggioranza che ha lavorato portare avanti un progetto comune, condiviso, come è nell’interesse di tutta la popolazione.

In questo percorso la nostra volontà è stata ed è quella di mettere al centro i bisogni dei cittadini, di costruire dei servizi a misura di persona perché è anche da essi, siamo convinti, che passa il miglioramento della qualità della vita.

Quali sono i Servizi interessati?

Siamo partiti dai servizi che più necessitavano di essere adeguati alla realtà di oggi e a come essa si proietta nel futuro. Le mutate condizioni economiche, del mondo del lavoro, le esigenze di una società in continua evoluzione, non possono prescindere dagli aspetti che riguardano la famiglia e la sfera del suo ambito vitale ossia il territorio e le sue risorse. Siamo partiti dal fondamentale principio, e volutone affermare il diritto, che dalla nascita alla morte ogni persona non deve essere sola, che non sarà lasciata sola dalle istituzioni, o almeno, da queste istituzioni.

Siamo intervenuti nelle politiche riguardanti i servizi all’infanzia, dello sport, della polizia mortuaria e della sicurezza pubblica.

Ci illustri brevemente i punti salienti delle novità apportate.

Il Regolamento sui Servizi Educativi per la prima infanzia, per i bambini e le bambine dai 0 ai 3 anni, nasce dalla volontà e dall’esigenza di promuovere maggiori e qualificate possibilità di accesso ai servizi per un numero sempre  maggiore di nuclei familiari. Ciò anche attraverso la procedura di accreditamento di strutture private autorizzate prevedendo la possibilità dell’erogazione di contributi alle famiglie. In particolare detta per i servizi educativi – Nido d’Infanzia, Centro Gioco Educativo, Centro dei Bambini e dei Genitori – i requisiti da possedere per il rilascio dell’autorizzazione al funzionamento, come in primo luogo quelli tecnico-strutturali, igienico-sanitari e di qualità, ma anche quelli correlati all’applicazione dei contratti collettivi di lavoro vigenti sottoscritti dalle Organizzazioni Sindacali, con risvolti importanti, quindi, sotto il profilo occupazionale.

Per lo Sport, hanno lavorato in stretta collaborazione con le società sportive del territorio, l’Assessore nonché Vicesindaco Paolo Agnelli ed i consiglieri Pietro Mariottini e Aldo Tenti, quest’ultimo relazionando in Consiglio l’operazione che ha portato alla stesura del nuovo regolamento approvato – considerato il precedente in parte superato dall’evolversi sia dell’Utenza che dell’Ente – rivede ex-novo la disciplina della materia dettando con un testo snello ed efficacie le disposizioni in merito ai soggetti che operano nell’ambito sportivo e i criteri per le riduzioni e gli esoneri ovvero per eventuali contributi. Si sancisce come tutti gli impianti sportivi siano destinati all’uso pubblico e come gli indirizzi necessari alla promozione, coordinamento e disciplina delle attività, disposizioni per il loro funzionamento, utilizzo e conservazione, siano di competenza dell’Assessorato e del Responsabile del Servizio relativo. Sull’imminenza dell’inizio della stagione sportiva all’adozione dell’atto è stata data immediata eseguibilità.

Per il regolamento riguardante la Polizia mortuaria e il servizio dei cimiteri, essendo l’intenzione dell’Amministrazione di approvarne uno nuovo al fine di recepire le modifiche nazionali e regionali che sono state nel frattempo introdotte in materia – nonché per adeguarlo alle mutate realtà sociali e culturali, quindi per renderlo più rispondente alle nuove richieste dei cittadini, considerato che quello attuale risulta approvato con atto C.C. n. 40 del 18.05.1950 – ma considerato che questo richiede una attenta elaborazione e tempi che non sarebbero brevi, il Consiglio ha inteso apportare fin da adesso prime importanti modifiche ad almeno tre articoli.

Infine, ma non per ordine di importanza, è stato approvato il convenzionamento con il Comune di Monte San Savino per lo svolgimento in forma associata e coordinata del Servizio di Polizia Municipale.

Lo svolgimento in forma coordinata delle funzioni di Polizia stradale attribuite alla Polizia locale era già esecutivo a norma di legge con delibera C.C. n. 36 del 19.12.2001, per cui data la volontà di entrambi i Comuni di continuare questa esperienza pluriennale e l’obiettivo comune di una gestione in forma associata della totalità delle funzioni di polizia municipale, al fine di una maggiore economia di spesa e nell’ottica di offrire servizi più qualificati – a cominciare da un potenziamento del presidio territoriale nell’ambito delle attività di vigilanza volte a garantire maggiore sicurezza – è stata redatta un’apposita convenzione in cui viene formalizzata la disciplina del costituendo nuovo rapporto associativo.

Quali conclusioni alla luce di questi risultati.

Siamo soddisfatti perché le deliberazioni approvate in sede di questo Consiglio comunale sono frutto di un costante impegno di lavoro per i cittadini che è iniziato un anno fa con la nuova amministrazione e che oggi giunge a compimento con la concretizzazione di alcune sue parti per proseguire ancora essendone un nuovo punto di partenza e non quello di arrivo.

Comune di Marciano della Chiana stendardo del Comune